San Marino Festival Gentile 2021, chiusura col botto

Si è chiuso domenica 8 agosto, l’evento che da venerdì 6 agosto ha invaso di gentilezza per tre fitte giornate la Repubblica di San Marino, esprimendone appieno il suo essere il primo Stato Gentile al mondo.


La manifestazione, organizzata dall’Associazione UnonellUno e promossa in collaborazione con il movimento Italia Gentile, progetto dell’Associazione My Life Design ONLUS, con il patrocinio delle Segreterie di Stato per l’Industria, l’Artigianato e il Commercio, l’Istruzione e la Cultura, la Sanità e Sicurezza Sociale, il Turismo della Repubblica di San Marino, ha visto 32 appuntamenti suddivisi in tre giorni tra 9 salotti, 8 eventi speciali, 14 momenti esperienziali, più un evento off, 10 location coinvolte, 38 ospiti, oltre 1.500 presenze e più di 13.000 visualizzazioni delle tavole rotonde trasmesse in streaming.

La kermesse dal sottotitolo “CHANGE! Costruire il Cambiamento”, nata per diffondere in città e tra i tanti turisti che hanno presenziato alle attività in programma una “biologia dei valori” che include gentilezza, felicità, perdono, ottimismo e gratitudine attraverso incontri e laboratori esperienziali, ha coinvolto grandissime personalità di caratura internazionale, che si sono susseguite sul palco in dialogo con l’autore bestseller Daniel Lumera, direttore scientifico del festival e promotore del movimento Italia Gentile, e con l’attivista, conduttrice e attrice Rosita Celentano, madrina di questa edizione 2021.

Dopo l’evento inaugurale che ha visto salire sul palco Gianfranco Antonio Vento, Amministratore Delegato della Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino S.p.A., per una riflessione sul tema “Banche, territorio e finanza di impatto”, e ospiti d’eccezione le medaglie olimpiche sammarinesi nel tiro a volo Alessandra Perilli e Gian Marco Berti, di ritorno da Tokyo, con gli atleti speciali della Federazione Sammarinese Sport Speciali, con cui si è approfondito il tema dell’inclusione e della gentilezza nello sport, si è parlato dell’interconnessione tra l’ambiente interiore e l’ambiente esterno con i filosofi Maura Gancitano e Andrea Colamedici, lo scrittore e giornalista Stefano Bettera, lo storyteller Mick Odelli, l’esperta di Feng Shui Paola Neglia e il manager culturale sammarinese Paolo Rondelli; quindi, si è affrontato il tema moda e sostenibilità con il regista Thomas Torelli, l’imprenditore Matteo Ward, la docente universitaria Dafne Chanaz e l’attivista membro di Fridays for Future – Mantova Sofia Pasotto.

Dopo una golosa degustazione del Gelato Gentile firmato da Eugenio Morrone, campione del mondo in carica di gelateria, per omaggiare il movimento Italia Gentile – gusto total veg che per tutta l’estate si può trovare nelle gelaterie gentili d’Italia elencate sul sito www.italiagentile.com –, si è passati alla tematica della buona alimentazione con l’oncologa nutrizionista Simona Casadei, per poi approfondire l’alimentazione gentile e molto altro con l’intervento del medico ed epidemiologo di fama nazionale Franco Berrino, fondatore dell’associazione La Grande Via. È stata, quindi, la volta del mondo animale e del rapporto tra uomo e natura insieme al presidente di Sea Shepherd Italia Andrea Morello, a Massimo Manni, in collegamento dal Santuario Capra Libera Tutti da lui fondato, e al fondatore di Dog’s Soul Giuseppe Luscia.

Infine, il silenzio, la musica e l’equilibrio sono stati i concetti affrontati dal poliedrico cantautore e artista visivo Tricarico, dal funambolo zen Andrea Loreni, dal biologo cellulare e compositore a 432Hz Emiliano Toso, dalla ballerina solista del Teatro alla Scala Beatrice Carbone e dalla violinista e musicoterapeuta Francesca Bing.

Non è mancata anche una parentesi sul significato di comunicazione gentile e sulle parole utilizzate in politica grazie al collegamento con la firma del Corriere della Sera Gian Antonio Stella, momento coronato dalla lettura teatrale di un suggestivo passo delle Memorie di Adriano ad opera dell’attore Fabrizio Raggi.

Quindi, dopo una coinvolgente esperienza meditativa condotta da Daniel Lumera, è stata la volta dell’approfondimento su scienza e comportamenti gentili con il neuroscienziato Giacomo Rizzolatti in dialogo con il giornalista Sergio Barducci, e dell’impatto della gentilezza sul DNA grazie al videomessaggio della scienziata e docente di Harvard Immaculata De Vivo.

Ha concluso i salotti un tavolo tutto al femminile dedicato al tema della leadership con protagoniste Francesca Scopelliti, presidente della Fondazione internazionale per la giustizia Enzo Tortora, Neni Rossini, presidente di SIT Group e ANIS, la manager e artista eco-sociale Isabella Mandelli, la counselor Valeria Pompili, educatrice relazionale e responsabile dell’area educativa dell’Associazione My Life Design Onlus, e l’avvocato e notaio Maria Selva, presidente dell’Associazione UnonellUno.

Il Festival, arricchito da partecipati laboratori esperienziali per adulti e bambini che si sono susseguiti nelle giornate di manifestazione e dall’evento off In Cammino con Dante nella vicina “città gentile” di Verucchio, è stato coronato dallo spettacolo di balletto con protagonista la prestigiosa compagnia Les Italiens de l’Opéra de Paris, in cui la grande danza ha celebrato la gentilezza con i primi ballerini e i solisti italiani dell’Opéra di Parigi, e dall’asta di beneficenza con opere di Isabella Mandelli ispirate alla gentilezza, il cui ricavato è stato devoluto a favore dell’Associazione My Life Design Onlus per sostenere il movimento Italia Gentile.

«Un grande successo, con tanti ospiti di rilievo che hanno saputo offrire profondi spunti di riflessione – commenta Maria Selva, Presidente dell’Associazione UnonellUnoha coronato questa prima edizione di San Marino Festival Gentile. Manifestazione che abbiamo voluto organizzare fermamente in questo anno ancora difficile, segnato dalla pandemia. Ci abbiamo creduto fin dall’inizio e ci siamo tutti impegnati per dare un segnale forte di ripartenza e di concreta espressione del valore della Gentilezza e dell’impegno assunto dallo scorso anno con la proclamazione della nostra Repubblica primo Stato Gentile al mondo».

«Ringrazio la Repubblica di San Marino per aver accolto questo Festival – dichiara Daniel Lumera –, che ci ha dimostrato come valori personali, relazionali e sociali quali gentilezza, perdono, interconnessione, empatia e gratitudine, sostenuti da solide basi scientifiche, abbiano un impatto enorme non solo sulla salute dell’individuo e sulla qualità delle sue relazioni, ma anche sull’intera collettività e sul tessuto sociale. A tutti gli ospiti va il mio più grande ringraziamento per aver risposto con entusiasmo alla proposta di realizzare insieme questa manifestazione e per l’alto valore dei loro interventi, così come ringrazio il pubblico numeroso per la calda e attenta partecipazione. Insieme abbiamo contribuito a porre basi importanti per la costruzione di un reale cambiamento che ci porta ad evolverci verso un nuovo modo di essere umani».

Ma SAN MARINO FESTIVAL GENTILE non finisce qui. Infatti, la gioiosa e colorata mostra di acquerelli “ISABELLA MANDELLI: Il mondo gentile dei Barabubbles”, inaugurata in occasione del festival presso la Galleria della Cassa di Risparmio, resta esposta fino al 1° settembre per proseguire la diffusione dell’importante valore della gentilezza attraverso l’arte.

Print Friendly, PDF & Email
Language »