Nerdshow, la Fiera della Fantasia

Print Friendly, PDF & Email
Videogames, riproduzione di edifici storici con i Lego, come la torre pendente di Pisa, giochi da tavolo di ogni tipo e di ruolo, cosplay vestiti da power ranger, da personaggi de “Il signore degli anelli” e tanto altro.

La terza edizione del Nerdshow, manifestazione che ha avuto luogo alla  fiera di Bologna lo scorso week end, é stato un grande successo con più di 30mila persone.

Due giorni di intrattenimento ed animazione distribuiti su 34mila metri quadri, 150 appuntamenti con 70 spettacoli, ospiti eccezionali come: Cristina d’Avena, Giorgio Vanni e Renato Pozzetto. Camminando nei vari stand si potevano ascoltare sigle di cartoni animati più famose (da Dragonball, a Pokemon fino a Naruto), partecipare a workshop a tema fantascientifico, e farsi un selfie coi propri supereroi preferiti.

Tante le novità, come i tavoli adibiti alla creazione di storie, sempre pieni, dove era possibile partire all’avventura con  il proprio personaggio (Dungeons & Dragons). Ma anche una vasta gamma di librigame dove era possibile sbizzarrirsi nelle scelte su come proseguire la storia stando attenti a non finire colpiti da mostri terrificanti o cadere in trappole nemiche, ottimo per mettere alla prova le proprie abilità.

L’affluenza, secondo gli organizzatori, è in costante aumento negli anni grazie ad un ambiente che stimola  nuove conoscenze: un gioco da tavolo spesso mette a confronto i giocatori sia per raggiungere obiettivi comuni sia per arrivare primi a mete già definite dal gioco. I costi sono variabili, si può scegliere un gioco economico oppure più costoso non facendo però a meno del divertimento in entrambi i casi.

All’interno degli stand i collezionisti hanno trovato oggetti da collezione  come gadget storici, tanti fumetti e disegnatori che esponevano le proprie opere disposti a disegnare vignette sul momento.

Molta curiosità ha destato la nuova area fantascienza, realizzata in collaborazione con Ultimo Avamposto, dove era possibile imbattersi nei famosi Ghostbusters e ad altri personaggi di riferimento nel mondo della fantascienza con oggetti unici che rappresentano la cultura pop degli anni passati.

Language »