My Sweet George

Da George Harrison a Elvis Presley a Ravi Shankar e molti altri: debutta domani 29 maggio lo spettacolo tratto dal libro “Yogananda mi ha cambiato la vita – Yogananda revolution” di Mario Raffaele Conti ed Elia Perboni.


Sabato 29 maggio 2021 debutta lo spettacolo MY SWEET GEORGE e inaugura VADO A TEATRO! 8° edizione, stagione di teatro contemporaneo d’arte al Teatro degli Scalpellini di San Maurizio d’Opaglio, organizzato dalla compagnia Teatro delle Selve con la direzione artistica di Franco Acquaviva, un Progetto selezionato dal bando Corto Circuito 2020 – Piemonte dal Vivo.  

L’esordio teatrale di MY SWEET GEORGE è all’insegna della contaminazione tra linguaggi e culture: musica, yoga e teatro sono le chiavi narrative dell’incontro filosofico tra Oriente e Occidente che 50 anni fa ha influenzato le storie e la produzione di artisti come George Harrison, Elvis Presley Ravi Shankar, grazie all’incontro con Paramahansa Yogananda. Attraverso un live visivo, musicale ed esperienzialeMY SWEET GEORGE svela il rapporto sottile e profondo tra Yogananda e la beat generation, puntando i riflettori su un’epoca rivoluzionaria il cui messaggio è tutt’oggi forte e vitale.

«Lo yoga non è solo posizioni. Lo yoga è una filosofia di vita che parte dal corpo per arrivare alla mente, al cuore, all’intera sfera del vivere», dicono i giornalisti Mario Raffaele Conti ed Elia Perboni. «Lo yoga cioè è cultura e all’insaputa di molti è entrato nell’immaginario collettivo attraverso la musica pop, la beat generation e gli idoli del rock. È entrato nella sensibilità dell’arte, ha catturato gli artisti, sempre attenti alle sperimentazioni, ai cambiamenti e all’apertura della mente. Il cantore di questa rivoluzione di costume è stato proprio George Harrison. E, 50 anni fa, con la sua “My Sweet Lord” ha portato l’India nelle case degli occidentali. Con “My Sweet George” portiamo questa rivoluzione a teatro attraverso un linguaggio multimediale, visionario e accessibile a tutti, per riscoprire un movimento che non si è mai arrestato».

MY SWEET GEORGE. Lo spettacolo: 

Testo, drammaturgia e regiaFranco Acquaviva Tratto dal libro di Mario Raffaele Conti ed Elia Perboni Yogananda mi ha cambiato la vita – Yogananda Revolution” (Ananda Edizioni 2018) Con Franco Acquaviva, Mario Raffaele Conti, Elia Perboni Video editing: Mario R. Conti | Aiuto regia: Anna Olivero | Regia audio-luci: Stefano Acquaviva. Produzione 2021 Teatro delle Selve.

Un uomo si sveglia in un luogo che non riconosce, non ha più ricordi, non sa chi è. Ad assisterlo due personaggi che a poco a poco, con l’ausilio di racconti e di immagini, lo aiutano a ricostruire la sua vita.

Immagini e racconti che ci riportano in quella fase della storia occidentale in cui sembrò di essere sulla soglia di un grande risveglio spirituale diffuso: il movimento hippie, la Summer of Love di San Francisco, e soprattutto la musica e la scoperta delle tradizioni spirituali dell’India.

Ci fu un momento nella storia del rock in cui questa musica così terragna e sensuale sembrò ricercare l’incontro con una dimensione spirituale a essa radicalmente opposta. Questo afflato prendeva corpo a partire dalla presenza concreta di alcuni Guru indiani che avevano scelto la terra americana per diffondere gli insegnamenti dei Veda. Per esempio Parahmansa Yogananda e Bhaktivedanta Prabhupada.

Questo cortocircuito stimolò e accese non poche grandi personalità del rock mondiale; due esempi su tutti: Elvis Presley (già, chi se se lo sarebbe mai aspettato?), ma soprattutto George Harrison. 

Anche di My sweet Lord, audace e riuscitissimo tentativo di far convivere gli stilemi della pop song con l’afflato verso il divino, e del suo autore racconta questo spettacolo, nel cinquantenario della pubblicazione della canzone-mantra di Harrison.

Gli autori:

Mario Raffaele Conti: giornalista, scrittore e speaker radiofonico, collabora con Yoga Journal. Ex di Radio Monte Carlo e di Oggi, con Elia Perboni ha scritto Yogananda mi ha cambiato la vita (Ananda Edizioni) e Pratiche quotidiane di felicità (Morellini/Yoga Journal). È anche il curatore del libro di Antonio Nuzzo I doni dello yoga (Morellini-Yoga Journal). Appassionato di antropologia e filosofia indiana, pratica yoga e ha seguito una formazione-insegnanti con la FMY e tiene conferenze ispirate ai suoi libri.

Elia Perboni, giornalista e autore, si è occupato di spettacoli, per oltre trent’anni, al Corriere della Sera e per diversi periodici tra i quali Ciao 2001. È stato conduttore radiofonico per Radio Regione Radiodue e Raistereodue. Con Mario Raffaele Conti ha scritto Yogananda mi ha cambiato la vita (Ananda Edizioni) la conferenza-spettacolo Yogananda Revolution Experience e Pratiche quotidiane di felicità (Morellini/Yoga Journal).

Franco Acquaviva si forma come attore con Iben Nagel Rasmussen dell’Odin Teatret. Regista e/o attore in oltre 30 spettacoli; organizzatore di rassegne e stagioni teatrali. Come drammaturgo ha ricevuto una menzione speciale al premio nazionale della Fondazione Carlo Terron di Milano. Come poeta ha pubblicato due libri con Ladolfi Editore e ha ricevuto vari riconoscimenti. Scrive di teatro per la rivista Sipario.

Biglietto unico spettacoli: euro 12

Incontri: ingresso libero e gratuito

Orario: serale, in via di definizione, info su www.teatrodelleselve.it

La capienza in teatro è limitata ed è OBBLIGATORIA la prenotazione al numero 339 3117032 o alla mail  anna@teatrodelleselve.it

Print Friendly, PDF & Email
Language »