288 letture

Giornata Alzheimer 2019

In occasione della Giornata dell’Alzheimer, Confconsumatori e ANCeSCAO organizzano due incontri territoriali e propongono il questionario sulla percezione del benessere per gli over65.

La fragilità negli anziani? Per prevenirla non basta curare la salute e garantire servizi idonei, ma occorrono anche relazioni sociali: è questo il cuore del progetto nazionale “Anziano fragile: verso un welfare comunitario” finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e realizzato dalle associazioni Confconsumatori e ANCeSCAO. In occasione della Giornata Mondiale dell’Alzheimer, le due associazioni invitano i cittadini a partecipare a due importanti incontri territoriali che si terranno sabato 21 a Tornimparte, in provincia dell’Aquila, e lunedì 23 settembre ad Altamura, in provincia di Bari. Inoltre, da questo weekend le associazioni distribuiranno un questionario (disponibile online e in forma cartacea) destinato ai cittadini over65 per sondare come questa fascia della popolazione consideri se stessa, le proprie difficoltà e le proprie opportunità.

GLI INCONTRI TERRITORIALI – Saranno 20 in totale gli incontri con la cittadinanza: occasioni di approfondimento e dibattito sul tema della fragilità negli anziani, con esperti e responsabili a livello locale o regionale, durante i quali verranno forniti anche strumenti concreti e buone pratiche per intercettare, coinvolgere e assistere gli anziani non autosufficienti in situazioni di fragilità. Lo scopo è quello di stimolare la nascita di un “Welfare comunitario” in cui le famiglie e la comunità di cittadini si affianchino alle Istituzioni nel prevenire, individuare e gestire le situazioni di fragilità, purtroppo in aumento. Per questo motivo, Anci Nazionale ha già concesso il patrocinio per tutti gli eventi che si terranno nell’ambito del progetto.

SABATO 21 SETTEMBRE A TORNIMPARTE (AQ) – Il primo appuntamento si terrà dalle 09.15 alle 13.30, presso il Teatro Comunale di via del Corso 168, località Villagrande di Tornimparte (AQ). Si parlerà di fragilità: come prevenirla, individuarne i primi segni ed averne cura; ma si parlerà anche di servizi socio-sanitari e assistenziali a supporto degli anziani fragili e delle loro famiglie, delle strategie per l’inclusione e la valorizzazione dell’anziano e del contributo che le associazioni del terzo settore e i cittadini possono dare.

L’incontro, patrocinato dal Comune di Tornimparte, è realizzato dalla Struttura Comprensoriale ANCeSCAO de L’Aquila e dell’Abruzzo e prevede – dopo i saluti delle autorità e dei rappresentanti di ANCeSCAO – gli interventi di: Giacomo Carnicelli, Sindaco di Tornimparte; Martina Pasqualone, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Tornimparte; Gianni Anastasio e Gabriella Sette, Sindaco e V. Sindaco di Pizzoli; Silvano Cappelli, Sindaco di San Demetrio Ne’ Vestini; Marco Giusti, Sindaco di Scoppito; On. Stefania PezzopaneFrancesco Cristiano Bignotti, Assessore alle Politiche Sociali del Comune dell’Aquila; Daniela Fiorenzi, Neuropsicologa – Centro Clinico Creativamente; Giuseppe Meco, Neurologo – Università La  Sapienza di Roma; Roberta Bernardi, Neuropsicologa; Esarmo Righini – Presidente Nazionale ANCeSCAO; Michelino Lucidi – Responsabile ANCeSCAO Abruzzo; Gianni Dall’Armi e Silvio Bonfiglio, Coordinatori per ANCeSCAO del Progetto «Anziano Fragile: verso un welfare comunitario».

LUNEDÌ 23 SETTEMBRE AD ALTAMURA (BA) – Il secondo appuntamento del mese sarà ad Altamura lunedì 23 settembre 2019 alle ore 17,30 nella sala consiliare Palazzo di città (ingresso via Pasquale Caso). Durante l’incontro ad Altamura si parlerà delle buone pratiche per l’inclusione, valorizzazione, cura e assistenza degli anziani sperimentate a livello locale e del ruolo di Istituzioni, associazioni del Terzo Settore e cittadini nella costruzione di un Welfare comunitario. L’evento, patrocinato da Anci nazionale, dai tre Comuni di Altamura, Gravina in Puglia e Toritto e dalla diocesi di Altamura-Gravina-Acquaviva delle Fonti, è realizzato da Confconsumatori Altamura in collaborazione con: ANCeSCAO, Alzheimer Italia Bari e Garante Regionale dei diritti delle persone con disabilità.

L’evento si aprirà con i saluti dei patrocinatori e degli organizzatori: i sindaci Rosa Melodia (Altamura), Alesio Valente (Gravina in P.) e Pasquale Regina (Toritto), don Vincenzo Panaro (Moderatore di Curia), Michele Micunco di Confconsumatori Altamura e Vito Auletta del direttivo nazionale ANCeSCAO. Interverranno: Annunziata Cirrottola, Assessore ai Servizi Sociali Comune di Altamura; Claudia Stimola, Assessore alle Politiche per la Salute P.S.Z. Comune di Gravina in Puglia; Benedetta Antonia Mele, Assessore alle Politiche Sociali Comune di Toritto; Pietro Scalera, medico di famiglia Responsabile U.D.M.G. D.S.S.4; Giuseppe Tulipani, Garante Regione Puglia dei diritti delle persone con disabilità; Pietro Schino, Presidente Associazione Alzheimer Bari Onlus; Giuseppe Guaricci, Direttore R.S.S.A. – c.d.c. Madonna del Buoncammino – Altamura; Nicola Nucera, Direttore R.S.S.A. – Pia Comunità Cecilia Ventricella Onlus – Altamura; Angela Castellano, Coordinatrice Centro Anziani Auxilium – Altamura e Cinzia Clemente che porterà le testimonianze delle famiglie. Concluderà i lavori l’avvocato Franco Conte, componente del direttivo nazionale di Confconsumatori.

IL PROGETTO – “Anziano fragile: verso un welfare comunitario” si propone di realizzare un’articolata azione di tutela, inclusione, informazione e valorizzazione della popolazione anziana, con un’attenzione particolare alle situazioni di fragilità.

Le attività saranno caratterizzate, in particolare, dal coinvolgimento delle famiglie degli anziani, ma anche di Enti e realtà locali che si occupano di assistenza e cura, al fine di fare emergere ciò che funziona meglio (best practice) in una determinata realtà territoriale e valorizzarlo in ambito nazionale. Lo scopo ultimo è quello di accrescere la sensibilità sul tema a tutti i livelli e stimolare una maggiore omogeneità dei servizi offerti nei diversi territori.

PERCHE’ UN PROGETTO SUGLI ANZIANI FRAGILI? – Il progetto nasce per rispondere, attraverso strategie innovative e lungimiranti, a un’«emergenza sociale». Infatti, la popolazione anziana è in forte aumento, così come le cronicità in ambito sanitario (in particolare le demenze) e i problemi economici e sociali, che toccano non solo gli anziani ma anche i loro famigliari.

A ciò si aggiunge che il contesto in cui vivono gli anziani in Italia è caratterizzato da importanti difformità, sia nella quantità sia nella qualità dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali. Occorre, quindi, lavorare da subito per prevenire l’aumento degli “Anziani fragili”[1], attivando le comunità a livello locale, regionale e nazionale.

IN COSA CONSISTE IL PROGETTO? – Il progetto promosso da Confconsumatori e ANCeSCAO prevede una serie di attività articolate in tre fasi:

1)    FORMAZIONE E MONITORAGGIO: Attraverso specifici seminari di formazione e il supporto di un Comitato scientifico gli operatori delle due associazioni effettueranno una ricerca mirata a fare emergere ciò che viene svolto a livello locale in 17 diverse Regioni per l’inclusione, la valorizzazione, l’assistenza e la cura degli anziani, specie se affetti da demenza.

2)    VALORIZZAZIONE E CONTAMINAZIONE DELLE “BEST PRACTICE”: Verranno selezionate e documentate una serie di “best practice”, allo scopo di valorizzare ciò che funziona meglio in termini di efficienza ed efficacia. Le pratiche migliori saranno presentate al pubblico, ma anche agli “addetti ai lavori” tramite incontri mirati (Focus Group).

3)    COSTRUIRE UN “WELFARE COMUNITARIO”: Verranno avviate campagne di comunicazione e incontri territoriali in tutta Italia in cui si parlerà di: promozione della salute e dei servizi di assistenza attivati a livello locale; strumenti per la tutela e la sicurezza dell’anziano; strategie di inclusione e valorizzazione dell’anziano. Saranno coinvolti enti e associazioni territoriali.

«Il progetto offrirà l’opportunità a Confconsumatori e ANCeSCAO di mettere in comune competenze e fare rete per divenire un punto di riferimento nei prossimi anni in materia di valorizzazione e tutela degli anziani» commentano Mara Colla ed Esarmo Righini, presidenti di Confconsumatori e ANCeSCAO

Per approfondire Confconsumatori e ANCeSCAO.

[1] Per la Società Italiana di Gerontologia e Geriatria sono “Anziani fragili” tutti quei “soggetti di età avanzata o molto avanzata, cronicamente affetti da patologie multiple, con stato di salute instabile, frequentemente disabili, in cui gli effetti dell’invecchiamento e delle malattie sono spesso complicati da problematiche di tipo socio-economico”.


Da Lunedì 14 ottobre 2019 siamo tornati in onda.
Vi aspettiamo con Fabio Alberti, Enrica Leone, Francesco Maggiore, Fabrizio Romagnoli, Riccardo Dettori, Piera Vitali, Tiziana Marongiu e Donato Francesco Bianco.
Buona visione con la nostra nuova programmazione su
www.facebook.com/TitoloTv
www.youtube.com/c/TitoloTV

Language »