Come rubare CO2 all’atmosfera e vivere felici

Print Friendly, PDF & Email

Dai coralli ai grattacieli. Brent Constantz e Peter Wadhams parlano di riscaldamento globale a Trieste Next 2020.


Copiando i coralli, Brent Constantz, scienziato e imprenditore della Silicon Valley, ha ideato un modo per togliere anidride carbonica dall’atmosfera, una delle maggiori cause del global warming, e sfruttarla nella costruzione di edifici “carbo-negativi”.

Constantz (in collegamento dalla California) affiancherà Peter Wadhams, il famoso oceanografo britannico, che sarà presente dal vivo a Trieste Next 2020, venerdi 25 settembre, nell’intervento Possiamo salvare il clima? dedicato alle tecnologie per ridurre il riscaldamento globale.

Constantz è un esperto di biomimesi, ovvero la branca dell’ingegneria che copia i meccanismi della natura per applicarli in ambito tecnologico. I coralli sono animali marini che vivono in grandi colonie, sempre più minacciati dall’inquinamento. Per formare il loro scheletro, assorbono l’anidride carbonica e la trasformano in carbonato di calcio.

Stiamo cioè parlando del calcare, quello che forma non solo le barriere coralline, ma intere catene montuose, come le nostre famose Dolomiti, che altro non sono che ammassi di fossili di antichissimi animali marini.

Riproducendo questo processo naturale su scala industriale, l’azienda high tech di Constantz, “Blue Planet” (nel cui board c’è anche Leonardo DiCaprio), produce calcare artificiale, un materiale che non solo sequestra definitivamente la CO2, ma è anche utilizzabile come cemento per costruire edifici.

Un doppio vantaggio, perché queste costruzioni anziché produrre CO2 (come avviene normalmente) la assorbono. Constantz racconterà questa e altre soluzioni tecnologiche contro il global warming durante il suo intervento a Trieste Next 2020 – Science for the Planet.

Language »