667 letture

Gegè Telesforo & Dario Deidda al Peperoncino Jazz Festival 2019

Il Festival musicale più piccante d’Italia tornerà a far tappa nel territorio di Corigliano Rossano e poi proseguira’ fino a fine settembre facendo tappa in 33 comuni calabresi.


Prosegue con enorme successo di pubblico e critica il Peperoncino Jazz Festival 2019, rassegna itinerante nelle più belle località calabresi che anche quest’anno, alla sua XVIII edizione, con un cartellone artistico di grandissima qualità (oltre 50 sono gli eventi in programma in due mesi di programmazione) e con il coinvolgimento nel suo circuito turistico/culturale di ben 33 comuni di tutte e cinque le province della regione, si sta confermando come uno dei più importanti eventi culturali e turistici del Meridione.

Dopo l’esplosiva partenza a firma di Steve Gadd nel prestigioso contesto del Teatro Auditorium dell’Unical, dopo aver esplorato in lungo e in largo il territorio del Pollino e quello della Sila e dopo aver portato gli spettatori alla scoperta delle più belle località della costa ionica calabrese, il festival organizzato dall’associazione culturale Picanto in questa seconda metà del mese di agosto sta inondando di musica e sapori il Tirreno cosentino.

Archiviate con successo le riuscitissime tappe ad Aiello Calabro, alle Terme Luigiane e a Diamante – paese che ha dato i Natali alla rassegna e che quest’anno, oltre a vari appuntamenti organizzati in collaborazione con il Ristorante Riviera Bleu  (elegante struttura nella quale si esibiscono costantemente artisti del calibro di Marco Trifilio, Sasà Calabrese e Roberto Musolino), il prossimo 19 settembre ospiterà il concerto dei Toca Tango, realizzato in joint venture con la manifestazione Osa Street Art diretta da Antonino Perrotta, stasera (domenica 18 agosto) sarà la volta del poliedrico Sasà Calabrese, che imbracciando la sua chitarra (pur essendo di base un contrabbassista) farà conoscere al pubblico che seguirà la tappa in programma nel centro storico di San Marco Argentano alle 22 le canzoni a sua firma contenute nell’album “Conserve”.

Oggi (lunedì 19 agosto), invece, prima dell’avvio di una ricchissima “cinque giorni” all’insegna del Cetraro Jazz (in programma dal 20 al 24 agosto nel centro storico della località famosa per il suo attrezzato Porto Turistico con artisti del calibro di Marcondiro, Joyce Yuille, Danilo Rea & Peppe Servillo Duo, Roberto Gatto Trio e Nicky Nicolai & Stefano Di Battista Quartet), il festival musicale più piccante d’Italia tornerà a far tappa nel territorio di Corigliano Rossano, già teatro, lo scorso 4 agosto, dell’indimenticabile esibizione del super trio Erskine/Gomez/Moroni, che ha mandato in visibilio i numerosissimi spettatori accorsi per l’occasione anche dalla Puglia e dalla Basilicata nello splendido chiostro di Palazzo San Bernardino.

Questa volta la cornice scenografica dell’evento sarà quella del Castello Ducale, laddove, dopo gli strepitosi successi degli scorsi anni – di cui sono stati protagonisti artisti del calibro di Sarah Jane Morris, Nick The Nightfly, Joe Barbieri, Danilo Rea, Roberto Gatto, Wlter Ricci e Sagi Rei con Ryan Kilgore – grazie alla virtuosa sinergia tra la nuova amministrazione comunale guidata dal sindaco Flavio Stasi e le associazioni cittadine LiberaMente Onlus e White Castle e alla rinnovata (per l’ottavo anno consecutivo) joint-venture con il “Corigliano Jazz & Soul” (evento ideato da Andrea Caroli e Gioacchino Campolo), si esibirà il trio del grandissimo Dario Deidda (unanimemente considerato uno dei migliori bassisti al mondo, vanta collaborazioni, tra gli altri, con Michel Petrucciani, Tom Harrell, Randy Brecker, Marcus Miller, Vinnie Colaiuta ma anche con Pino Daniele, Fiorella Mannoia e Ivano Fossati), con Domenico Sanna al pianoforte, il giovane talento della batteria Michele Santoleri e, in qualità di special guest, il carismatico Gegè Telesforo.

Vocalist che conosce e pratica come nessun altro lo “scat” (forma di canto jazz basata sull’improvvisazione vocale), tanto da essere considerato dalla critica internazionale come uno degli innovatori dello “scat singing”; vincitore, per ben nove anni consecutivi (2010-2018), del prestigioso Jazzit Award nella categoria “Best Male Voice”; polistrumentista, compositore, conduttore e autore di programmi radiofonici (Capital Groove Master) e televisivi (protagonista, tra l’altro, di tutte le trasmissioni di Renzo Arbore), Gegè Telesforo è anche un appassionato e un profondo conoscitore di musica, in particolare il jazz e la fusion, tanto che collabora con giornali e importanti riviste specializzate e nella sua carriera ha duettato con artisti del calibro di Jon Hendricks, Dizzy Gillespie, Clark Terry, Dee Dee Bridgewater e tanti altri.

Il quartetto presenterà “My Favourite Strings”, nuovo album uscito a nome del portentoso bassista salernitano, prodotto da Gegè e distribuito in tutto il mondo da Ropeadope Records e Groove Master Edition, proponendo un repertorio che spazia dallo stile manouche di “Bye Bye Blues” allo swing irresistibile di “Air Mail Special” di Benny Goodman, fino al groove ipnotico di “Freedom Jazz Dance”.

Nel corso della serata, che prevede un biglietto a posto unico di 15 euro acquistabile direttamente al botteghino o in prevendita on line su www.inprimafila.net o chiamando ai numeri 339/6584695 e 333/6249159) e che avrà inizio alle ore 22, come nella migliore tradizione del PJF sarà caratterizzato anche dalla presenza dei Sommelier professionisti della F.I.S. (Fondazione Italiana Sommelier) Calabria presieduta da Gennaro Convertini, che guideranno il pubblico nella degustazione dei migliori vini calabresi (questa volta si potranno degustare quelli prodotti dalle Cantine Greco e Statti).

Dopo questa nuova, attesissima incursione ionica e la “cinque giorni” nel segno del Cetraro Jazz, il festival musicale più piccante d’Italia, confermatosi anche quest’anno uno dei migliori festival jazz a livello nazionale (come dimostrato dall’aver conquistato la terza posizione nella classifica dei “JAZZIT AWARD” all’esito del prestigioso referendum – Readers Pool – indetto dalla rivista specializzata nazionale Jazzit), riprenderà il suo percorso nel territorio regionale, facendo tappa il 25 agosto a Lamezia Terme (con il concerto del quartetto del giovane pianista calabrese Francesco Scaramuzzino con ospite il nuovo talento del jazz italiano: il crooner Davide Cerreta), il 26 al Parco Ecolandia di Reggio Calabria (laddove sarà di scena la vulcanica cantante americana Martha High & The Soul Cookers) e il 27 a Soveria Mannelli (che vedrà sul palco allestito nel giardino di Palazzo Marasco la grandissima Joy Garrison).

Il 28 agosto, poi, lo splendido chiostro di San Domenico a Cosenza costituirà il perfetto scenario per la travolgente esibizione dei The Hoppers capitanati dal portentoso sassofonista Dan Kinzelman, mentre il giorno seguente (il 29) gli appassionati potranno godersi la serata nel segno dei coinvolgenti Sing Swing nel centro storico di San Basile.

Il XVIII Peperoncino Jazz Festival – evento organizzato con il contributo dell’Assessorato alla Cultura della Regione Calabria e con i prestigiosi patrocini istituzionali del MiBact, degli enti Parco Nazionale del Pollino e Parco Nazionale della Sila, dell’Unical, del Consolato Generale degli Stati Uniti d’America, della Reale Ambasciata di Norvegia (oltre a quelli di associazioni quali Confindustria Cosenza, Agis e Anec  Calabria, FAI, Touring Club Italiano, F.I.S. e Slow Food) e con il sostegno di numerosi ed importanti Sponsor privati (tra cui UBI Banca, Gas Pollino, Pollino Gestione Impianti, Nuovo Imaie, La Pietra Srl, Montagna Spa, Simet Spa, Amarelli Srl e Minerva Resort Golf & Spa) e prestigiosi Media Partner (su tutti, Il Quotidiano del Sud e Viaggiart) – si concluderà, poi, come ormai da tradizione, all’insegna del VI Calabria Jazz Meeting, convegno annuale del jazz calabrese, in programma nell’ultimo week end di settembre a Cetraro.

Crediti fotografici: Paolo Soriani

Informazioni per il pubblico:
ASSOCIAZIONE CULTURALE PICANTO
Mobile: 345/9514139
E-mail: peperoncinojazzfest@gmail.com
Web: www.peperoncinojazzfestival.com
Facebook: Peperoncino Jazz Festival

Language »