A Bologna si torna in pista

Print Friendly, PDF & Email

L’Arcoveggio riapre nel segno della qualità. Giovedì 28 maggio il primo appuntamento (a porte chiuse).


Giovedì 28 maggio ritornano le corse all’Arcoveggio, otto eventi agonistici che dalle 14.30 sino a pomeriggio inoltrato vanno a colmare un vuoto che si protrae dal 7 marzo, quando appassionate amazzoni si sfidarono all’insegna dell’agonismo e della solidarietà in un pomeriggio che solo in parte  faceva presagire il lungo lockdown che ne seguì; si corse infatti senza pubblico sulle tribune e con severi controlli agli accessi.

Le misure di contenimento ancora impediscono agli appassionati di assistere alle corse, ma per i cavalli, i loro proprietari e allenatori la stagione ricomincia con serrati appuntamenti che li vedranno impegnati anche domenica 31 maggio e martedì 2 giugno, data nella quale verrà disputato il tradizionale Gran Premio della Repubblica, corsa faro che sancisce l’arrivo dell’estate con la partecipazione dei migliori free for all del panorama internazionale.

Gentlemen e cadetti dalle buone referenze apriranno giovedì l’inusuale kermesse allo scoccare delle 14.30,  con una vasta rosa di candidati al successo, dalla ritrovata coppia Asia Ll e Zaccherini, probabili leader allo stacco, al duo Aristide Dipa/Hudorovich, senza trascurare Anny Pan e Ace Of Hearts, partner di peso per Filippo Monti e Patrik Romano.

Eccellenti tre anni si sfideranno alla seconda corsa con le incognite distanza e partenza con i nastri a conferire ulteriore pathos ad una contesa ricca di figure di primo piano, la futuribile Bertè Jet, che Ferdinando Pisacane guiderà per conto del trainer Romanelli, mentre l’allieva di Gocciadoro, Bella De Oro Vgl, insegue la terza vittoria consecutiva fidando sull’eccellente collocazione al numero 4, terza forza, Bat Host, la proposta di Gennaro Casillo con il capolista nazionale Antonio di Nardo alle redini.

Routinier di 5 anni e oltre dalla collaudata esperienza daranno vita alla terza corsa, Vp Dell’Annunziata e Sharm Ekl Sheikh in pole nel pronostico ma attenzione anche al declassato Salvador Trio, con il fido Stefani alla regia tattica e a Ultralady Grad, sul quale si impegnerà Roberto Vecchione, all’inseguimento della leadership tricolore detenuta dal corregionale Di Nardo.  Alla quarta dodici lady di tre anni inseguiranno la prima vittoria in carriera con la facoltosa pupilla  di Alessandro Gocciadoro, Blu di Prussia, da seguire in virtù della sua genealogia ( è figlia della campionessa Prussia) e dell’accattivante modello, mentre buone voci precedono Bellissima Gar, che i “dioscuri” Ehlert e Vecchione considerano un valido prospetto in crescita, con la giovane francese Haga Dei Veltri ad inseguire il podio assieme a Ferdinando Pisacane.

Leva 2017 ancora sugli scudi alla quinta corsa, miglio che Antonio Di Nardo e Bramante Ors paiono poter far proprio nonostante le agguerrite presenze di Boateng Jet e Borg Grif, proposte di peso per Vecchione e Gocciadoro, mentre alla sesta l’asticella si alza considerevolmente, con dieci esponenti della generazione 2016 ad incrociare le armi sulla media distanza con partenza ai nastri a mixare prestanza atletica e duttilità agonistica, doti che contraddistinguono l’avvantaggiato Axis di Girifalco, giramondo di casa Ehlert recente vincitore a Copenhagen sempre con Vecchione alle redini,  e la virago Alaska Gams, altra esponente del team Gocciadoro che si avvierà dal secondo schieramento, terza citazione per Avenue La Varenne, nome esotico per una lady in continua inesorabile ascesa alla scuola di Gennaro Casillo e agli ordini tattici di Antonio Di Nardo.

Sfida intergenerazionale alla settima corsa, undici soggetti di cinque e sei anni si sfidano sui due giri di pista con un trittico di potenziali protagonisti formato da Zawadi , Zagreb Trio e Zahire Bi, mentre all’epilogo schema ad handicap per dodici contendenti, con  i penalizzati

Tempest Treb e Tysonper inseguire specialisti del “ramo” come Sax As e Vischio Bianco ma soprattutto la bisbetica Radenska D’Aghi, potenziale favorita per la quale i nastri potrebbero rappresentare un non marginale problema tattico.

Appuntamenti successivi (ancora a porte chiuse) domenica 31 maggio e martedì 2 giugno con una spettacolare edizione del Gran Premio Repubblica, Gruppo II con oltre 80.000 euro di montepremi.

Foto di repertorio

Language »