Aggiungi un posto a… teatro

Aggiungi un posto a… teatro
27 ottobre 2018

Con Enzo Garinei settanta anni di vita e di spettacolo.


E’ stata una vera e propria lectio magistralis quella impartita dall’immenso uomo Enzo Garinei, attore, doppiatore, docente e regista teatrale, televisivo e cinematografico di grandissima fama, durante la serata “Aggiungi un posto a… teatro”, incontro aperto con la città di Molfetta tenutosi presso la Cittadella degli Artisti.

 

L’iniziativa rientra nel programma autunnale approntato dall’ assessore alla cultura Sara Allegretta e che vedrà giungere in città, dopo Garinei, anche la giornalista Tiziana Ferrario e Livia Pomodoro, molfettese che ha ricoperto le più alte cariche della magistratura. Il teatro della Cittadella, dopo l’incontro con gli studenti delle scuole superiori cittadine, ha registrato il sold out, vista la personalità di spicco di Garinei, mattatore del mondo dello spettacolo da oltre 70 anni.

 

La serata, condotta dal regista Giorgio Latino, ha preso il via con i saluti del vice sindaco Allegretta che ha illustrato la prossima stagione e il come l’incontro con il grande maestro sia nato da una chiacchierata trasformatasi poi in un complesso spettacolo, grazie al valido supporto di Luisa Moscato, dell’Associazione “ArteInScenA” e della sua Accademia Ribalte, proprio voluta da Garinei .

 

L’attore e regista si è raccontato a tutto tondo, anche attraverso foto e video che ritraevano momenti salienti della sua carriera costellata da incontri e collaborazioni con i più grandi:da Sordi a Mastroianni, da Fellini a Totò, da Monicelli a Delia Scala, solo per citarne alcuni. Garinei, dalla memoria di ferro, nonostante i suoi 92 anni, ricorda il periodo della guerra, i suoi esordi per allietare i militari, le tappe salienti della sua vita e del suo percorso professionale, il rapporto con la famiglia e la dolorosa perdita del figlio a cui manda pubblicamente un bacio, mentre scorre una lacrima.

 

L’uomo Garinei parla anche di politica e di attualità con una brillante analisi della situazione, non lesinando rimproveri e tirate di orecchie agli attuali politici. Esalta l’amore che tutto muove e insiste sulla formazione, sullo studio e sulla professionalità che deve essere alla base di ogni professione, anche quelle del mondo dello spettacolo, perché non c’è solo la carriera di attore, ma un mondo che gira attorno al sistema.

 

Nato il 4 maggio 1926 ha attraversato una buona fetta di storia dal dopoguerra ad oggi, registrando mutazioni e cambiamenti sia nelle situazioni che nelle persone.

 

Giorgio Latino ha moderato e condotto in maniera impeccabile la serata che si è snodata fra ricordi, storie, emozioni e i bellissimi contributi di spettacolo degli allievi dell’ Accademia Ribalte che hanno riproposto alcuni spezzoni dei più amati musical: da Rugantino a Vacanze romane ad Aggiungi un posto a tavola. I giovani attori hanno ballato e cantato riscuotendo il caloroso consenso del pubblico e l’approvazione della direttrice dell’Accademia che a suo tempo frequentò quella del Teatro Sistina diretta dal maestro Garinei.

 

Emozioni, battute, commozione, ricordi hanno ripercorso la carriera dell’ attore, interprete, doppiatore, ballerino, ma soprattutto una persona dal grande cuore, umile e sempre disponibile, un galantuomo di altri tempi. Ma la serata non poteva essere solo costellata dal passato, c’è tanto spazio anche per il futuro e i progetti: Garinei sta infatti girando un film e porterà in tournée la commedia musicale “ Aggiungi un posto a tavola” che toccherà anche la città di Bari in febbraio.

 

Enzo Garinei, vista l’età non salirà più sul palco, ma darà la voce a Dio, sorpresa questa che ha voluto fare per la città di Molfetta, da lui molto amata e che merita un grande teatro. Grazie Enzo Garinei, piccolo, ma immenso uomo.

Commenti