Sindrome da rientro. Colpito un italiano su 3

Sindrome da rientro. Colpito un italiano su 3
23 agosto 2018

La ripresa della routine, la sedentarietà e l’ansia del dover di nuovo avere delle scadenze sono tra le preoccupazioni maggiori. Dagli esperti alcuni pratici consigli su come vincere quella che a tutti gli effetti è una sindrome con sana alimentazione, corretta idratazione e giusto approccio psicofisico.


La fine delle vacanze? Fatale per l’umore degli italiani. Pochi divertimenti, traffico e code ai caselli, il lavoro che si avvicina:  questi alcuni dei fattori che fiaccano nel fisico e nello spirito degli italiani. Uno su 3 (33%) confessa che gli ultimi giorni di ferie e il momento del ritorno sono il periodo delle vacanze in cui si sente meno in forma. Ritornano lo stress e le preoccupazioni della vita quotidiana, sintomi di quella che gli esperti hanno definito post-vacation blues. I rimedi? Corretta idratazione, sana alimentazione e giusto approccio psicofisico sono le armi in più per affrontare al meglio il ritorno in città.

 

È quanto emerge da uno studio di In a Bottle (www.inabottle.it), condotto con metodologia WOA (Web Opinion Analisys) su circa 3500 italiani, uomini e donne, attraverso un monitoraggio online sui principali social network, forum e community digitali per raccogliere ansie e paure sul ritorno in città e su circa 30 esperti tra psicologi, sociologi e nutrizionisti, che spiegano come approcciare il post-vacanze.

 

Dimenticare che le vacanze siano finite: questa è la parola d’ordine degli italiani. Come lo fanno? Il 48% cede ai peccati di gola mentre il 26% sceglie di dormire più a lungo, sperando che qualche ora aggiuntiva di sonno serva a prolungare la tranquillità estiva. Anziché cercare di riassestarsi sui ritmi della città, c’è poi chi vuole godersi fino all’ultimo giorno le vacanze: il 13% si concede tutti i vizi possibili e il 12% si dedica a varie attività, per centrare l’obiettivo di tenere il corpo impegnato e di avere la mente sgombera da preoccupazioni.

 

“Si chiama sindrome da rientro ed è una sensazione di stanchezza e fatica a ritornare nella routine del quotidiano – afferma il prof Alberto Pellai medico e psicoterapeu­ta dell’età evolutiva – A volte ci si sente anche irritabili con difficoltà a concentrarsi e presidiare i compiti che normalmente vengono svolti. In realtà è semplicemente una “sindrome da adattamento“: corpo e mente che “si erano lasciati andare” nel tempo delle vacanze devono rientrare in uno schema rigido, imposto dal dovere associato ai compiti quotidiani. Una parte di noi vorrebbe permanere a lungo in uno spazio di piacere e si sottrae all’ansia performativa che il quotidiano sempre ci impone. Anche i nostri ritmi circadiani faticano a risintonizzarsi velocemente con i nuovi ritmi e orari del tempo feriale.

 

C’è poi un italiano su 2 (51%) che si sente fisicamente appesantito dopo le “licenze” estive, soprattutto legate all’alimentazione e alla nutrizione. La vacanza spesso determina alcuni effetti nocivi sulla salute – afferma Luca Piretta, nutrizionista e docente dell’Università Campus Bio-Medico di Roma – Spesso è sinonimo di sregolatezza di orari, cambi dei ritmi sonno-veglia si tende ad eccedere con gli alcolici, altro fattore nocivo per l’integrità cellulare, e talvolta ci si lancia in sport estremi o di resistenza senza l’adeguato allenamento o preparazione alimentare. Per ultimo, si rischia di tornare dalle vacanze con qualche chilo di troppo, in particolare le persone che tendono ad ingrassare e che durante la vacanza non potuto o voluto mantenere il loro corretto regime alimentare.

 

Ma cosa spaventa di più gli italiani? Parlando di lavoro, le preoccupazioni maggiori sono l’idea di abbandonare i luoghi parti per trascorrere gran parte del tempo in posti chiusi (32%), le tensioni con colleghi e datori di lavoro (26%), l’ansia delle scadenze (21%) e il dover tornare alla pianificazione settimanale (13%). Per quanto riguarda il cambio dello stile di vita, il ritorno in città preoccupa perché riproporrà la cronica insoddisfazione verso quello che si fa (29%), gli sbalzi di umore che rendono irritabili e nervosi (23%), il poco tempo a disposizione per vedere figli, genitori e partner (22%). Nonostante questo ben un quarto degli italiani (25%) afferma che non si prepara in alcun modo perché solo pensarci fa aumentare l’ansia mentre il 13% spiega che si predispone riprendendo gradualmente le abitudini quotidiane.

 

“Quello che cambia le cose è il modo in cui ci si rapporta a una situazione di stress”, assicura la dottoressa Pauline Wallin, nel suo saggio “Taming your inner brat: a guide for transforming self-defeating behavior” (Addomestica il tuo io viziato: una guida per trasformare i comportamenti controproducenti). Lamentarsi, infatti, fa soltanto sentire peggio e, soprattutto, non aiuta a risolvere il problema. La strategia suggerita dall’esperta comincia da un passo molto semplice: guardare avanti con ottimismo.

 

Ma come si supera la sindrome da rientro? Spiega Luca Piretta: “È fondamentale per permettere un corretto afflusso di sangue a i tessuti e quindi agli antiossidanti di raggiungere tutte le cellule e recuperarle dagli insulti dei radicali liberi. Inoltre è importante ricordare che tutte le reazioni chimiche cellulari avvengono solo se è presente l’acqua e questo ci deve far comprendere quanto sia essenziale questo elemento anche per ammortizzare la post vacation blues”.

 

Conclude Pellai: “Si tratta di un passaggio che in breve tempo viene superato. Anche in questo caso, serve preservare ogni giorno un po’ di tempo e di spazio per il piacere e non solo per il dovere e costruire nel miglior modo possibile una sintonia tra corpo e mente, curando la qualità del proprio stile di vita”.

 

IL DECALOGO PER BATTERE LA SINDROME DA RIENTRO

  1. Dormi molto e bene, evitando di passare dalle 8-10 ore di sonno del periodo vacanziero alle 6-7 che ci si concede al rientro
  2. Abituati con gradualità, rientrando dalle vacanze alcuni giorni prima della fine delle vacanze per poter tornare senza un impatto brusco alle temperature e ai ritmi quotidiani
  3. Fai movimento, soprattutto se le ferie sono state movimentate: l’attività fisica aiuta a diminuire lo stress e a riposare meglio
  4. Segui un’alimentazione sana: ben vengano, senza esagerare, i carboidrati semplici (saccarosio, miele, confetture, frutta) e quelli complessi (pane, pasta, riso e cereali).
  5. Bevi acque ricche di sali minerali per mantenere in equilibrio facoltà intellettive e umore
  6. Stai alla luce del sole: il passaggio dalla luce del sole in spiaggia a quella artificiale dell’ufficio può mettere sotto stress il corpo e la mente
  7. Niente tecnologia a letto: non tenere in camera da letto né computer, né cellulare e lascia spenta la tv perché il cervello associ la stanza a quella del riposo
  8. Dopo tre mesi di vacanza, per i bambini è ancora più importante tornare al ritmo della scuola gradualmente
  9. Concediti un weekend di relax: finché il tempo lo consente puoi dedicare il fine settimana al relax e alla famiglia come se le vacanze non fossero ancora finite
  10. Poniti obiettivi raggiungibili: non strafare e sii pragmatico
Commenti