Premio Arte e Cultura – La Bagnaia

Premio Arte e Cultura – La Bagnaia
25 maggio 2018

Sabato 26 maggio 2018, il Centro Convegni del Borgo La Bagnaia (Siena), la cerimonia di premiazione della decima edizione.


Anche quest’anno il Premio La Bagnaia, che ormai è diventato un appuntamento imperdibile per gli amanti dell’arte e della cultura, è inserito all’interno del convegno “Crescere tra le Righe – Giovani e Istituzioni a Confronto” promosso dall’Osservatorio Permanente Giovani Editori. Quello tra l’Associazione Culturale Attilio Monti e l’Osservatorio Permanente Giovani Editori si conferma da diversi anni come una partnership perfetta, legata da un unico filo conduttore: i giovani.

 

Unici e veri protagonisti di tutte le edizioni del Premio, i giovani rappresentano in questo contesto, così come nella vita reale, il futuro, la speranza nonché la conoscenza, vecchia e nuova. Un’esaltazione dunque delle nuove generazioni senza mai però dimenticare una figura peculiare del passato, ma pur sempre viva, a cui il Premio Arte e Cultura – La Bagnaia si è ispirato: il Cavaliere Attilio Monti.

 

Sono passati quindici anni da quando l’Associazione Culturale Attilio Monti, per volontà del suo Presidente Marisa Monti Riffeser, ha istituito il Premio e in tutti questi anni l’evento è rimasto fedele al duplice obiettivo di ricordare l’editore, l’imprenditore ma soprattutto l’uomo che ha saputo coniugare capacità industriali e profonda sensibilità civile e sociale, gettando però sempre uno sguardo alla modernità e alla cultura in tutte le sue sfaccettature.

 

Il Premio Arte e Cultura – La Bagnaia 2018, come nelle precedenti edizioni, si fregia del patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati.

I VINCITORI DELLE PASSATE EDIZIONI

Marisa Monti Riffeser, per ricordare il profondo amore che ha sempre legato il Cavalier Monti alle nuove generazioni, aveva deciso di rendere i giovani protagonisti e giuria della prima edizione del premio: 750.000 giovani (tutti gli studenti che nel 2004 avevano preso parte al progetto dell’Osservatorio Permanente Giovani-Editori) erano così stati chiamati a votare il giornalista o la giornalista che meglio aveva saputo rivolgersi a loro, che meglio aveva saputo interpretare il loro mondo. La giovane giuria scelse due vincitori: una grande firma della carta stampata, il professor Francesco Alberoni, e un protagonista della comunicazione televisiva, l’allora direttore del TG5 Enrico Mentana.

 

Nel 2005 la giuria che ha designato il vincitore era composta dai direttori dei giornali che hanno aderito al progetto “Il Quotidiano in Classe”. Tramite un sondaggio realizzato direttamente dall’Osservatorio Permanente Giovani – Editori, i direttori hanno votato il personaggio italiano del mondo dell’economia che secondo il loro parere si era maggiormente distinto nel corso del 2004.

 

Il premio, consegnato in occasione della 4a edizione del convegno Crescere tra le Righe – Giovani, Editori e Istituzioni a Confronto, è stato assegnato al professor Mario Monti.

 

Per l’edizione 2006 il tema del Premio Arte e Cultura La Bagnaia era “Il Significato della Solidarietà’”. In quell’occasione la giuria, composta da personaggi del mondo della cultura, dell’arte e dell’economia ha scelto Mariapia Fanfani, premiata il 7 ottobre nel corso della Cena di Gala organizzata a Bagnaia per celebrare il centenario della nascita del Cavalier Attilio Monti.

 

Nel 2007 il Premio è stato consegnato alla giornalista Karen Elliott House. Scelta tra le candidate proposte dall’Associazione (con lei in lizza Lilli Gruber e Sylvie Kaufmann) per essersi maggiormente distinta nel raccontare con coraggio storie che hanno saputo squarciare i veli del conformismo.

 

Per l’edizione 2008, l’Associazione Culturale Attilio Monti in collaborazione con l’Osservatorio Permanente Giovani-Editori ha individuato nell’Educazione al Dialogo Interculturale il tema del Premio Arte e Cultura La Bagnaia, coinvolgendo tutti gli studenti che partecipano alle attività dell’Osservatorio. Le tre classi vincitrici sono state premiate il 26 settembre a Bagnaia con un finanziamento per il loro istituto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per il Premio 2009 l’Associazione si è ispirata alla vita del Cavaliere Attilio Monti, «un grande italiano» che ha posto tutte le sue energie e il suo impegno al servizio della crescita del nostro Paese nel Mondo.

Il Premio, intitolato a quanti si sono distinti nel tenere alto l’orgoglio della nostra bandiera a livello internazionale, è stato conferito all’Ambasciatore Francesco Paolo Fulci.

In occasione della proclamazione dell’anno 2011 come “Anno della Cultura Cinese in Italia e della Cultura Italiana in Cina”, ancora una volta il tema del Premio Arte e Cultura La Bagnaia è stata l’interculturalità. Mettendo in evidenza l’importanza che quest’occasione unica di sensibilizzazione ricopre nella promozione di una società pluralistica e dinamica in Europa e nel mondo intero, il Premio è andato all’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia Ding Wei.

 

Nel 2013 l’Associazione Culturale Attilio Monti ha premiato Emma Marcegaglia quale esempio del fare, quale connubio di sviluppo imprenditoriale e della Nazione, che le ha permesso di raggiungere il prestigioso obiettivo di essere il primo imprenditore italiano a guida dei colleghi europei, portatrice di un messaggio positivo per il nostro Paese e per la sua ripresa.

 

Nel 2015 il Premio è stato assegnato a Cesare Romiti per essere stato tra i manager italiani, e non solo, forse quello che più di altri ha avuto il dono della comunicazione; per aver sempre compreso che il raggiungimento di qualsiasi obiettivo comportasse con sé la necessità di orientare l’opinione, modificare le inclinazioni conservatrici, mobilitare le energie migliori al servizio di un progetto di cambiamento.

Commenti