il Titolo Giornale di Arte, Cultura e Spettacolo Reg. al Tribunale di La Spezia n.° 3 del 07/06/10 ROC 20453 P.I. 01219600119


Per questo spazio pubblicitario, chiedere informazioni inviando un email al seguente indirizzo info@iltitolo.it

Dal 2016, sul canale il TitoloTV, attivo il servizio di diretta streaming e podcast grazie al format televisivo L.E.O.© (Live Event Online ).

Dal 28 Ottobre 2015 al 14 Febbraio 2016 lo Spazio Eventi SET in Via Tirso 14 Roma, ospita la mostra dell’artista americano Nathan Sawaya, che riesce ad unisce la Pop Art al Surrealismo, offrendo agli spettatori un grande stupore giocoso.


A Roma The Art of the BrickIn uno spazio di oltre 1200 mq, sono esposte 80 opere d’arte realizzate con i mattoncini LEGO che ciascuno di noi ha usato almeno una volta nella vita, per dare forma all’immaginazione. Nathan Sawaya ha imparato le regole sugli aggettivi grazie alla serie TV Schoolhouse Rock, a contare fino a dieci con l’aiuto di Sesame Street ed ha capito le leggi della gravità grazie alla sua molla Slinky. Alcune interessanti video-interviste evidenziano il percorso artistico dell’autore. “Immaginiamoci un bambino che conosce la storia dell’arte, giocando con i mattoncini LEGO”.. Tra le opere esposte: la Gioconda di Da Vinci, la Venere di Milo, il soffitto della Cappella Sistina e Il David di Michelangelo, i ritratto di Warhol, l’Autoritratto di Rembrandt, il Pensatore di Rodin, l’urlo di Munch, San Giorgio Maggiore al crepuscolo di Monet, la Ballerina di Degas, la Notte Stellata di Van Gogh, la Testa di Modigliani, Il Bacio di Klimt, il Partenone, o le enormi sculture, come lo scheletro lungo quasi 6 metri di T- Rex, costruito con oltre 80.020 mattoncini LEGO.

La caratteristica principale dei mattoncini LEGO è quella di essere progettati per essere assemblati separatamente e riutilizzati all’infinito. Lo svantaggio, per un artista, è che sono progettati anche per essere smontati. Nathan Sawayaha superato queste caratteristiche, utilizzando una colla speciale per creare sculture permanenti, dopo un’attenta progettazione dei bozzetti che traduce in realtà avvalendosi di fogli di carta millimetrata e cercando soluzioni per riprodurre fedelmente forme e sfumature di colori delle opere originali eventualmente riprodotte. Ciascun mattoncino viene rivestito di colla per assicurare stabilità e durabilità della struttura di un’opera. Essendo tutti i componenti incollati insieme tra loro, man mano che il lavoro artistico procede, diventa difficile correggere gli errori occasionali ed ogni ripensamento richiede l’uso di pinze e scalpelli, come nelle sculture più classiche. Anche per questo, Nathan Sawaya è riuscito ad elevare il semplice giocattolo al ruolo di ARTE.A Roma The Art of the Brick

Il soggetto preferito di Nathan Sawaya è la figura umana e molte delle sue opere ricordano figure in transizione che rappresentano, secondo l’artista “la metamorfosi che vivo nella mia vita personale. Le mie opere nascono dalle mie paure e dai miei traguardi, come avvocato e come artista, come ragazzo e come uomo”. “L’arte rende l’uomo migliore, è necessaria per capire ilmondo e dona felicità alle persone, indiscutibilmente l’arte non è un optional” e “la mostra richiama il fanciullo che è in ciascuno di noi e al tempo stesso mette in risalto concetti sofisticati e complessi. Per le mie opere uso i LEGO perché i giocattoli sono accessibili. Di sicuro è meno probabile avere un blocco di marmo o un forno da ceramica a casa, che non qualche LEGO, vogliamo scommettere ?”

Il curatore della mostra THE ART OF THE BRICK è Fabio Di Gioia che sottolinea come “Il lavoro di Nathan Sawaya colpice immediatamente, forse anche più l’adulto che il bambino. Le opere infatti sembrano tutte facilmente realizzabili: basta avere a disposizione un buon numero di mattoncini e attaccarli secondo uno schema. Ma in The Art of The Brick c’è soprattutto l’elemento del genio, nascosto dal divertissement, che esprime sia l’arte, reinterpretandola, sia la condizione umana. E questo è piuttosto un gioco da adulti. Introdurre la mostra di Sawaya in Italia, riconosciuta terra del genio e dell’arte è dunque un atto vincente poiché ci sembra di riportare in Patria qualcosa che in fondo, ci appartiene”.

NATHAN SAWAYA è nato il 10 luglio 1973 a Colville nello stato di Washington ed è crescito a Veneta in Oregon. Laureato in Legge all’Università di New York, lavorando come avvocato da Winston& Strawn. Ha abbandonato la professione di avvocato nel 2004 per dedicarsi a tempo pieno a quella di artista di mattoncini LEGO nei suoi art studio di New York e Los Angeles, dove gioca e crea opere sorprendenti con più di 4 milioni di mattoncini LEGO.


A Roma The Art of the BrickNello Spazio Eventi SET, al termine della mostra “THE ART OF THE BRICK”, sarà possibile dare forma alle proprie emozioni con tanti mattoncini della LEGO, sentendosi in sintonia con l’artista Nathan Sawaya, a cui l’arte ha cambiato la vita e, da ex avvocato sprona gli adulti ad esprimere la propria creatività per essere più felici. Scatenando l’immaginazione, con musica, scrittura o poesia, ma anche con l’arte, con una matita, un pennello, un cesello, una manciata di argilla, una videocamera, una macchina fotografica o, perché no, tornando a giocare e creare nuove realtà con i LEGO, perché “i sogni si realizzano… un mattoncino alla volta” e dunque “Crea ciò che vedi, crea ciò che senti, crea ciò che non hai mai visto. Semplicemente, crea ! ”… parola di Nathan Sawaya.

La mostra “THE ART OF THE BRICK” ha già attratto oltre 1 milione e mezzo di visitatori, ed è possibile seguire le novità di Nathan Sawaya, su Facebook in thebrickartist, o cercando il profilo @NathanSawaya su Twitter e su Instagram.

Foto di Luca Pagni

e-max.it: your social media marketing partner

Programmazione del TitoloTV


ilTitoloTV  OnAir

Speciale Cannes 2017

Il nuovo approfondimento cinematografico con Francesco Maggiore. Buona visione.

Il Cinema di Francesco Maggiore

La Musica di Fabio Alberti

Atto x Atto con Fabrizio Romagnoli


 




Direttore Responsabile:   Donato Francesco Bianco        Editore:   Bianca Zanardi
Gli articoli sono coperti da copyright, è assolutamente vietata la riproduzione se non riportante la dicitura  FONTE: ilTitolo.it
Tutti i diritti sono riservati. Site c
reated by il NetWork ®


Design by vonfio.de

I cookie ci aiutano a fornire piena efficienza ai nostri servizi, continuando a navigare sul sito, ne accetti l'utilizzo. Per Informazioni.