Bambini cardiopatici nel mondo in mostra a Milano

Condividi:
Bambini cardiopatici nel mondo in mostra a Milano
25 settembre 2017

Le foto di Giovanni Porzio raccontano l’attività umanitaria dell’associazione che salva i piccoli affetti da cardiopatie congenite.


L’Associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo, onlus fondata e presieduta dal professor Alessandro Frigiola, da oltre 20 anni opera nei Paesi in via di sviluppo e ora si mette in mostra. Dal 13 ottobre al 5 novembre, presso La Casa di Vetro di Milano, in via Sanfelice 3, saranno esposte 35 fotografie del giornalista e fotoreporter Giovanni Porzio, amico della onlus da molto tempo. Le opere in mostra sono tratte dal libro “Le mani nel cuore. Dottor Alessandro Frigiola: una straordinaria esperienza di vita”, realizzato dallo stesso Porzio. Il libro sarà presentato dall’autore il 12 ottobre alle ore 19.00, presso La Casa di Vetro. L’ingresso è libero fino a esaurimento posti. La mostra, dal titolo Le mani nel cuore. Viaggio ai confini della vita. Giovanni Porzio racconta l’associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo, è curata da Alessandro Luigi Perna ed è patrocinata dall’Assessorato del Comune di Milano alle Politiche Sociali, Salute e Diritti. Sarà aperta al pubblico tutti i giorni dalle 15.30 alle 19.30 (giovedì fino alle 18.00).

“Ho passato la vita in mezzo alle guerre: bombe, sangue, prigioni, torture, orrori, obitori, terrori, esistenze distrutte, lunghe file di morti senza nome” – ha dichiarato Giovanni Porzio. “Talvolta, nella melma e nel sangue, ho visto scorrere rivoli lucenti d’acqua sorgiva, e mi sono chinato a guardarli: specchiavano sorrisi e giochi di bambini, sguardi antichi di pastori e contadini, vagiti, sussurri di madri all’orecchio dei figli, vecchi assorti nel tramonto, fuochi nella notte, uomini in cammino. I bambini. Capaci di allegria tra le macerie di una casa, di illuminare il buio di una grotta, di riempire di voci la tenda di stracci di un campo profughi. Dopo le guerre tutto ricomincia dai bambini. Per loro i genitori resistono allo sconforto e stringono i denti. Da loro traggono la forza per ricostruire, una ragione di vita e di speranza. Per questo la morte di un bambino è intollerabile. Nei Paesi devastati dalle guerre, dalla fame e dalle malattie le famiglie piangono, pregano, poi si rassegnano. Noi non ne abbiamo il diritto. Ho incontrato un medico che non si è mai rassegnato, un chirurgo che apre i cuori malati dei bambini per aiutarli a vivere. Ne ha salvati migliaia. Si chiama Alessandro Frigiola, e ho voluto raccontare la sua storia”.

“Gli scatti di Giovanni Porzio realizzati in cinque Paesi arrivano al cuore delle persone perché  trasmettono le stesse sensazioni che proviamo noi quando operiamo in situazioni anche estremamente critiche e fanno rivivere  la speranza e la paura dei bambini e delle famiglie che incontriamo sulla nostra strada, il più delle volte già vittime delle conseguenze di una guerra o delle difficili condizioni socio-economiche degli Stati in cui vivono” – spiega il professor Alessandro Frigiola, fondatore e presidente dell’associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo. “Il libro che raccoglie le immagini più significative di Porzio e la mostra che le esporrà fino a novembre nascono dall’entusiasmo empatico del fotoreporter per il lavoro che l’Associazione svolge quotidianamente e dalla necessità di raccogliere fondi per cambiare il destino di troppi bambini che hanno diritto di vivere. I fondi che raccoglieremo ci aiuteranno a sostenere l’attività di Bambini Cardiopatici nel Mondo: salvare migliaia di piccoli malati di cuore e favorire la costruzione di centri chirurgici e di formazione”.

L’esposizione nasce come resoconto di un viaggio a fianco dell’associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo in 5 Paesi in via di sviluppo: Siria, Kurdistan, Egitto, Camerun e Senegal, là dovemancano le più basilari cure pediatriche. Il fotoreportage di attualità ci proietta in Paesi ai confini della vita con un realismo a volte spiazzante e drammatico.

“Giovanni Porzio, conosciuto più come giornalista e inviato speciale che come fotografo, è in realtà un fotoreporter di razza, uno di quelli che riesce a raccontare con le foto non solo i fatti ma anche le emozioni (e a volte le opinioni)” – ha concluso il curatore della mostra, Alessandro Luigi Perna. “Le sue immagini non sono perciò solo belle. Certo, hanno una qualità estetica al livello dei migliori fotografi italiani e internazionali, inclusi quelli di Magnum per intendersi. E certo: sono costruite geometricamente con maestria, con ombre e luci che sono sempre perfettamente distribuite nell’inquadratura. Ma quello che colpisce in particolare nelle sue immagini è la loro costante tensione morale, la loro capacità di proiettare chi le guarda, a partire da una singola inquadratura, non importa quale che sia il soggetto, nell’universo emotivo e drammatico in cui sono state realizzate. Per questo sono così potenti. Ed è sempre per lo stesso motivo che Giovanni Porzio è un fotografo differente dagli altri”.

Il costo di ingresso (€ 5,00) sarà interamente devoluto a Bambini Cardiopatici nel Mondo per sostenere le missioni operatorie e i percorsi di formazione per medici e infermieri dei Paesi in via di sviluppo.

Informazioni sulla mostra
Per il pubblico
federica.candela@effeci-facciamocose.com
02/55019565
Per le scuole:
perna@alessandroluigiperna.com
338/5953881

Commenti