Allergia agli acari

Allergia agli acari
24 ottobre 2018

Come prevenirla e come curarla.


I termosifoni favoriscono la formazione di polvere e quindi la proliferazione di colonie di acari causando allergie! I soggetti colpiti, sovente bimbi piccoli, soffrono di: riniti, asma, naso chiuso che prude o che cola con secrezione acquosa e biancastra, starnuti frequenti, congiuntivite, lacrimazione, bruciore agli occhi, tosse secca, prurito al palato e alla gola, difficoltà a respirare, senso di leggera oppressione al petto, disturbi del sonno provocati dalla difficile respirazione!

 

ASSOSALUTE consiglia di rivestire materassi e cuscini con fodere antiacaro, tessuto a trama fitta, impenetrabile agli acari; limitare al minimo la presenza di tappeti, piumini, poltrone imbottite, peluches; arieggiare spesso i locali; preferire un aspirapolvere dotato di filtri che impediscano la diffusione nell’aria degli allergeni; eliminare la polvere  con frequenza; per le pulizie utilizzare un panno umido che non disperda la polvere e quindi gli allergeni nell’ambiente: lavare frequentemente, ad alte temperature, la biancheria da letto; esporre all’aria cuscini e coperte; ricorrere ai farmaci di automedicazione: antistaminici, vasocostrittori, spray antiallergici, colliri antiallergici, rivolgersi al medico se i sintomi permangono!

 

Come sempre la dieta gioca un ruolo fondamentale: preparate piatti ricchi di preziosi Sali minerali che riducono l’allergia!

 

Nella foto di Ugo Negrini INSALATA DI CAVOLFIORE condita con abbondantissimo prezzemolo, aglio, sale e olio evo per un pieno di manganese, zinco e company!!!

Commenti